Malvasia Istriana

Vino bianco, di colore giallo paglierino, con riflessi verdognoli. Il profumo è aromatico, caratteristico, o fruttato, armonico. Il gusto è asciutto, gradevole.
Pochi come questo vino sono indicati per i mitili e gli altri molluschi: lo serviamo alla temperatura di 10-12° C.

La Malvasia Istriana è un vitigno molto antico la cui origine si fa risalire all’antica Grecia, nell’antica città di Monemvassia nel Peloponneso. Da qui si diffuse in tutto l’Adriatico soprattutto per opera della Repubblica Marinara di Venezia. Già alcune fonti del 1300 riportano la coltivazione della Malvasia in Istria.
Il grappolo della Malvasia Istriana è medio-grande e cilindrico o leggermente conico, spesso alato da mediamente compatto a leggermente spargolo. Gli acini sono rotondi dal colore giallo-dorato e dal sapore dolce e leggermente aromatico. La produzione è abbondante e leggermente tardiva. L’epoca di germogliamento è tardiva, media le epoche di fioritura ed invaiatura.
In Friuli le sue uve vengono vinificate in bianco con aggiunta di massimo 15% di vitigni a bacca bianca diversi a seconda della D.O.C.
La Malvasia Istriana è solitamente un vino poco alcolico e leggermente aromatico e ciò lo rende una bevanda piacevole e dissentante in qualunque occasione.